Premi e riconoscimenti

“Una storia va raccontata in modo che sia essa stessa un aiuto”

Rassegna Stampa  |  Rassegna Web  |  Interviste Premi  |  Download Video


Premi Internazionali

 

Film Festival Popoli e Religioni di Terni 2015

I film Biagio di Pasquale Scimeca Storia di Giuda di Rabah Ameur-Zameche sono i vincitori dell’undicesima edizione del festival cinematografico Popoli e Religioni di Terni.
La storia di Biagio Conte, novello Francesco d’Assisi che ha fondato a Palermo la Missione Speranza e Carità realizzata dal regista siciliano alla sua quarta partecipazione al festival e la rilettura della figura dell’”Apostolo maledetto” dell’autore algerino si sono aggiudicati ex equo il premio come miglior film, assegnato dalla giuria presieduta da Paolo Consorti e composta da Paola Rinaldi e Giulio Guerrieri.


Green Movie Award 2014

Green Movie Award 2014

“Il film affronta i grandi temi della vita: dalla religione all’ambiente, dalla giustizia sociale alla solidarietà, e assurge a paradigma del nostro tempo in crisi di valori e ideali… L’urgenza di una testimonianza diventa invito al recupero di un’ecologia del pensiero che prende forma nella natura. Francescano, innocente, senza compromessi: un film per nulla neutro, puro, militante per la pace e per la sostenibilità della vita”.
Dalla motivazione della giuria del premio Green Movie Award


Premio critica sociale "SORRISO DIVERSO"

Premio critica sociale “SORRISO DIVERSO” 2014

“Per le elevate qualità audiovisive, per l’alta valenza edificante di una storia vera che ha visto Biagio Conte dedicare la sua intera esistenza agli “ultimi”, dopo un percorso di isolamento e meditazione, e di ricerca interiore, realizzando in Sicilia tre strutture di accoglienza con oltre mille persone assistite. Per la efficace rappresentazione della discriminazione degli esclusi ed emarginati dal contesto sociale, e della via rivoluzionaria dell’amore per il prossimo come antidoto ad una società che ha smarrito i suoi valori e che, basandosi solo sul danaro e sul possesso, è oramai vuota e senza senso. Per la indicazione di un forte indirizzo etico nel costruire una società ove sia possibile una coesistenza naturale, responsabile e solidale tra persone naturalmente diverse. Ed infine per la struggente carica emotiva dell’interprete principale, Marcello Mazzarella, che ha vissuto in precedenza sulla sua pelle la vita di emarginato e discriminato di strada per 3 anni, prima di raggiungere il suo sogno di fare l’attore.”
Dalla motivazione della giuria del premio di critica sociale “MARCO AURELIO o SORRISO DIVERSO”


Menzione speciale Premio SIGNIS 2014

Menzione speciale Premio SIGNIS 2014

“Per la sincerità e il coraggio del regista Scimeca di raccontare, pur da non credente, la vita di un testimone di fede contemporaneo, dedito ai poveri, agli “ultimi” della società, sull’esempio di san Francesco.”
Dalla motivazione della giuria del premio SIGNIS – Ente dello Spettacolo